lunedì 12 maggio 2014

Ho finito i nonni.

Ho pensato a questo post a caldo. Lo stesso giorno in cui mia nonna, la mia ultima nonna è stata portata via da casa sua dentro una bara di legno. Tornando a casa sua, la casa in cui ho passato tanti momenti belli della mia vita con lei e con mio nonno (che invece è morto lo scorso anno), ho sentito la necessità di fotografare quegli spazi sospesi tra vita e morte, spazi in cui la vita è presente perché i ricordi e l'affetto sono più forti di qualsiasi presenza, soprattutto di una presenza, quella di mia nonna Melina a cui la vita, almeno quella senza mio nonno Vincenzo, non le interessava più. Volevo scrivere qualcosa subito, come quando ti viene voglia di parlare a caldo, senza riflettere. Ho riflettuto e deciso che ciò che ho scritto in queste righe basta. Ho deciso anche di inserire le foto.
























Posta un commento